PER ABBONAMENTI SOSTENITORE E PER DONAZIONI ALLA VOCE IBAN IT88X0503803400000010024263

Sanza fine / L’ex demitiano folgorato da Giuliano


21 luglio 2017 autore: MARIO AVENA



Sanza

Ricordate l’Angelo Sanza anni ’70 e ’80, il basista demitiano che ha scorazzato per le ampie praterie della prima repubblica e poi ondivagato per gli arcipelaghi ex Dc fino a diventare portavoce del Centro Democratico? Bene. Oggi è stato folgorato sulla via di Giuliano Pisapia.

A raccogliere le meditazioni dello Statista è il Corriere della Sera, che gli dedica una lunga intervista.

Così esordisce il Vate: “Lo spazio politico al centro c’è, ma manca un leadership vera”.

E’ poi il filosofo a ruggire in lui: “I miei pensieri aiutano il dialogo tra le forze politiche vicine. E io lo faccio pieno di generosità, quella generosità che dovrebbero offrire gli altri partecipanti”. Che però, forse, non si sono accorti della sua presenza.

Ma lui, imperterrito, continua. E indica la Via: “Occorre una leadership identitaria”.

E ne delinea il profilo, vaticinando: “Vedo in Giuliano (Pisapia, ndr) un progressista moderato. Per usare un gioco di parole, i centristi dovrebbero trovare un moderato progressista. Se trovassi un moderato progressista in virtù della mia cultura di sinistra Dc non avrei dubbi e mi schiererei dalla sua parte. Oggi tra il cattolico e il laico scelgo il laico progressista”.

Si salvi chi può.




Lascia una risposta

*