Ornella Muti, vera faccia d’angelo?

Condividi questo articolo

Si salvi chi può, cioè nessuno. Dalla faccia d’angelo di Ornella Muti non ti aspetteresti che trasparenza e lealtà. Errore. L’attrice è stata condannata in appello dal tribunale di Trieste. Sei mesi di reclusione e multa di 500 euro. La birbante aveva fatto annullare uno spettacolo al teatro Verdi di Pordenone perché ammalata. In quella sera era però impegnata per una cena di beneficienza a San Pietroburgo, promossa nientemeno che da Putin. Per evitare la pena Ornella Muti dovrebbe riconoscere una provvisionale di trentamila euro al teatro Verdi. All’associazione Teatro di Pordenone deve versare 3.600 euro.

I figli, dice Eduardo, sono pezzi di cuore. Ma tutti? Per Forza Italia no e inventa cavilli per tardare l’approvazione della legge di aiuti agli orfani di femminicidi. Ufficialmente la destra giustifica il rinvio con l’esigenza di risolvere non meglio identificati problemi tecnici, la sostanza della contestazione è chiaramente discriminatoria. Non intende estendere i benefici della legge ai figli delle unioni civili. Eppure le deputate berlusconiane Mara Carfagna, Deborah Bergamini, Elena Centemero, Stefania Prestigiacomo, Lorena Milanato hanno chiesto “che la commissione giustizia del Senato proceda ad una rapida approvazione della legge” Conflitto intersessuale? Si direbbe di sì. Contro si sono schierati i maschi: Francesco Nitto Palma, Tito Di Maggio, Giacomo Caliendo e altri.

Non è di moda l’incontro politico trasmesso in diretta streaming, fortemente voluto dai 5Stelle e poi abiurato per non mostrare urbi et orbi litigi e bugie. Vietato anche dal Pd, ma aggirato da un frenetico tam-tam trasmesso con cellulari, tablet e altri aggeggi della moderna tecnologia comunicativa. Hanno diffuso parola per parola quanto accadeva nel corso della direzione.

Maradona bugiardo?  I bene informati ne sono certi. Prima notizia: il Diego dalle uova d’oro per ricevere la cittadinanza onoraria di Napoli intascherà una “parcella” di duecentotrentamila euro. Sdegnato el pibe smentisce. Ma chi sa conferma e per convincere il popolo dl “O mamma, mamma, mamma, sai perché mi batte il corazon, ho visto Maradona…” cita i segnali del rapporto di Maradona con gli sponsor. Cappellino firmato, cartellone pubblicitario alle sue spalle durante un’intervista.

Me ne voglì all’America, pe stà luntano assaie…”. Era il sogno dell’italiano povero. Il tempo l’ha trasformato e l’esodo negli Stati Uniti, per atleti, ricercatori e altre eccellenze, ha puntato alla ricchezza di ingaggi stratosferici. Il basket, negli Stati Uniti è sport da giro d’affari miliardario e ne sanno qualcosa i nostri giocatori selezionati dai team Nba. Per esempio Danilo Gallinari. L’azzurro, dopo sei anni con i Nuggets si trasferisce con i Los Angeles Clippers. Cosa intasca? 65 milioni di dollari in 3 anni. Si aggiungono ai 73 già guadagnati. Follia? No americanite.

Trump se ne frega e continuerà a farlo, fino a quando la desertificazione del pianeta diventerà emergenza mondiale e New York conoscerà il dramma della sete, la stessa che uccide milioni di neri africani. Trump se ne frega se la calotta polare perde pezzi sempre più consistenti di iceberg. Succede che dalla piattaforma Larsen in Antartide si stacca una sua parte di ben cinquemila chilometri quadrati, pari alla superficie della Liguria. La frattura supera in questo momento i 180 chilometri. Nell’immediato futuro la smisurata massa di ghiaccio invaderà il mare di Weddell.

Condividi questo articolo

Lascia un commento