Quei figli dimenticati 

Condividi questo articolo

La psichiatria, ma forse meglio la psicanalisi, prova a monitorare il cervello in tilt di genitori che. stressati dagli abnormi ritmi della società post moderna, dimenticano nell’auto i figli da portare all’asilo o alle nonne baby sitter per ritrovarli uccisi dal caldo. Non c’è giustificazione per queste mamme e papà, ma una forma, seppure esageratamente benevola di comprensione, prova a escludere con generosità il dolo. Altro è l’incredibile severità di una madre che punire la figlioletta di due anni perché si rifiutava di uscire dall’auto. L’ha chiusa dentro insieme al fratellino di sedici mesi e li ha così uccisi. Sono morti per la temperatura torrida dell’abitacolo.

La donna, Cynthia Marie Randolph ha ventiquattro, è stata arrestata. La tragedia è avvenuta nei pressi di Lake Weatherford, Texas. Ha sbalordito la sua giustificazione: “Volevo dare una lezione amia figlia”. La sciagurata madre ha osato mentire per ben due volte. Ha accusato la bambina di aver chiuso l’auto dall’interno, ma l’ha chiusa lei dall’esterno, ha infranto il vetro del finestrino per simulare in incidente, Andata a casa dopo aver condannato a morte i due figli, la giovane donna ha fumato un paio di sigarette alla marijuana e si è addormentata per tre ore prima di tornare all’auto, rovente per la temperatura all’esterno di trentasei gradi. Attenuanti? Zero.

Questo tempo balordo, generato dai cambiamenti climatici di cui è responsabile gran parte dell’umanità (Trump per tutti), prospetta la tragedia della desertificazione di grandi aree della Terra e i prodromi sono già in atto. In Inghilterra, dove tra qualche anno coltiveranno frutta e verdure in abbondanza, magari da esportare in Italia e Spagna, in questi giorni di caldo africano hanno fatto il bagno di mare o in piscina, per chi ce l’ha, come in Sicilia o nel Tirreno che bagna Napoli. In Italia danni incalcolabili all’agricoltura per la siccità da Sahara, allarme rosso per anziani, bambini e persone debilitate ma, per la prima volta, anche per i giovani. Significativo l’invito del governo a trascorrere alcune ore in locali pubblici con aria condizionata. Neanche il tempo per augurarsi un po’ di refrigerio e si è scatenato il putiferio atmosferico: grandinate e temporali, trombe d’aria, frane in Lombardia, Veneto. Danni all’inverso per le coltivazioni, acqua, vento e fulmini a Milano, temperature in giù, fiumi monitorati, Seveso e Lambro in particolare, allerta della protezione civile, mobilitate le forze di polizia.

Condividi questo articolo

Lascia un commento