VACCINI OBBLIGATORI? NO SENZA PRUDENZA E PARERE DI ESPERTI

Condividi questo articolo
Giulietto Chiesa.

Giulietto Chiesa.

La scelta di imporre le vaccinazioni obbligatorie ritengo non sia corretta. L’Italia ha preso una decisione che ben 15 paesi europei si sono rifiutati di adottare. Non c’è una spiegazione chiara sul perché l’Italia abbia voluto decidere in tal senso, se non nel fatto che qualche anno fa a Washington il nostro Paese si è assunto l’onere, su incarico della Global Security Agency, di diventare il Paese guida delle strategie vaccinali nel mondo. La cosa mi ha lasciato molto colpito e di questo non si è mai saputo nulla. Come  mai questa decisione è stata presa senza alcuna consultazione con i cittadini italiani? E perché 15 paesi europei non hanno l’obbligo vaccinale? Vuol dire che sono tutti irresponsabili? Credo di no, evidentemente esistono valutazioni diverse in Europa su come affrontare questo tema e la posizione dell’Italia, stando così le cose, mi appare quella più isolata. Questa decisione del Governo ha poi scatenato una forte protesta nel Paese che ritengo vada ascoltata e discussa con il contributo di tutti gli esperti, e non tappando la bocca a chi si permette di dissentire.

Certo, il problema è legato anche all’immigrazione, non c’è dubbio. Io non sono contro i vaccini sia chiaro, ma credo che si debba affrontare questa questione con prudenza e ascoltando anche il parere di chi ha opinioni diverse. Poi è chiaro che noi, come del resto tutti gli europei, siamo esposti all’arrivo in massa di tante persone provenienti da luoghi che hanno abitudini molto diverse dalle nostre dal punto di vista igienico-sanitario e con una storia epidemiologica lontana da quella dei paesi europei. E’ giusto che lo Stato tuteli la salute pubblica e intervenga in merito, lungi da me dire il contrario, ma resto dell’idea che certe decisioni, come quella di imporre 12 vaccini che si configura a tutti gli effetti come una misura straordinaria, non possa essere presa a cuor leggero, oltretutto senza un dibattito in Parlamento e nel Paese e senza il coinvolgimento di esperti.

Quanto agli interessi delle case farmaceutiche, strutture come queste, che possono permettersi profitti miliardari, potrebbero anche imporre la loro volontà esercitando forti pressioni ai vari livelli. Bisogna stare molto attenti ad affidare la salute delle persone nelle mani di certe persone. In ogni caso, prima di trasformare il decreto della ministra Lorenzin in legge credo serva anche un’attentissima analisi sui fornitori dei vaccini per sgomberare ogni possibile sospetto e dubbio in merito. Finora il dibattito su questo tema è stato pressoché unidirezionale, a senso unico, giornali e televisioni hanno sostenuto solo ed unicamente le ragioni del Governo oscurando i pareri contrari. Credo che questo non sia accettabile e che, nell’interesse di tutti, serva un dibattito chiaro, obiettivo e alla luce del sole senza dividersi necessariamente fra favorevoli e contrari.

leggi tutto

Condividi questo articolo

Lascia un commento