PER ABBONAMENTI SOSTENITORE E PER DONAZIONI ALLA VOCE IBAN IT88X0503803400000010024263

Roma – Il grande giornalismo fa tappa a Corviale. 6 maggio, save the date


2 maggio 2017 autore: Redazione



Corviale

Il prossimo 6 maggio sarà una giornata di incontri con grandi giornalisti e personalità della cultura a Corviale, quartiere degradato di Roma, nel quale un gruppo di giovani ha promosso un programma di riqualificazione ed ha inventato anche una radio.

Ecco il programma completo della giornata.

IMPEGNO SOCIALE E LEGALITA’, I COMPITI DEL GIORNALISTA

In un mondo dell’informazione che si evolve radicalmente, mutano compiti e funzioni del giornalista, spesso costretto dai media a privilegiare gli aspetti più “spettacolari” della realtà. Aspetti che non sempre riescono a fornire “chiavi” di approfondimento che portino a incidere in senso costruttivo (anzi talora rappresentando o scatenando gli istinti più deteriori di una comunità). A fronte di questa paventata “carenza di senso” dell’informazione, il corso si propone di illustrare un’esperienza del tutto peculiare di impegno sociale e lotta per la legalità, che ha dato vita all’esperienza di una radio. Può essere questo una sorta di modello? Come si passa dalla semplice denuncia alla costruzione giornalistica di una proposta? Quali limiti occorre osservare? Durante la giornata, il tema verrà affrontato nei suoi molteplici aspetti, mirando a dare il quadro delle opportunità che concorrono a dare “nuovo senso” e nuovi contenuti professionali all’attività giornalistica.

QUANDO 6 MAGGIO 2017

DOVE “CAMPO DEI MIRACOLI” DI CORVIALE, centro sportivo di via Poggio Verde 455

POSTI DISPONIBILI 500

DURATA

8 ORE, IN DUE STEP: 9-13 E 15-19 con possibilità di pranzo in loco

TEMA DEL CORSO

L’originale esperienza del “Campo dei Miracoli” – che dall’impegno sociale ha tratto motivazioni in grado di far sorgere “Radio Impegno” e altre attività di grande valore per i giovani di un quartiere difficile come quello di Corviale – consente di approfondire una serie di temi a partire da quello, cruciale, della legalità. Coniugato qui con una coraggiosa esperienza giornalistica che ha rifiutato logiche vittimiste, fino a un ribaltamento valoriale in attività “etiche”.

La seconda parte del corso, attraverso il confronto con un giornalista che ha dedicato la sua vita alle battaglie per la legalità, si propone di focalizzare più nel dettaglio i problemi della lotta alla legalità, delle intimidazioni cui sono sottoposti i giornalisti “di frontiera”, di come poter continuare un’attività professionale senza scoraggiarsi.

ENTE PROMOTORE: ASSOCIAZIONE NO PROFIT “CALCIOSOCIALE” 

L’associazione “Calciosociale”, ottenuta nel 2009 la gestione del disastrato centro sportivo di Corviale finito nelle mani di personaggi legati alla malavita, lo ha rimesso in sesto con la quasi totalità di fondi privati. Avendo promosso fin dall’inizio attività di grande valore sociale e psicopedagogico, ma anche percorsi di educazione alla legalità, il Centro ha finito per subire intimidazioni e anche un incendio di natura dolosa.

La reazione civile promossa dall’Associazione tra i cittadini di Corviale non solo ha recuperato appieno il progetto, ma ha anche condotto alla nascita di un’attività di informazione del tutto peculiare, legata al territorio, al disagio sociale e all’etica. Si tratta di “Radio Impegno”, esperienza del tutto unica nel panorama informativo, che svolge un importantissimo ruolo di raccordo tra le molte realtà associative e i singoli, mirando alla diffusione della solidarietà e dell’impegno civile.

 

RELATORI E PARTECIPANTI

Andrea Billau, giornalista professionista, Radio Radicale, impegnato da sempre sui temi dell’integrazione, del disagio, dell’impegno civile;

Roberto Scafuri, giornalista parlamentare, il Giornale. Analista politico, sensibile ai temi della deontologia professionale, in precedenza ha lavorato all’Unità, a Radio Regione Milano, in Rizzoli, Mondadori e in qualità di coordinatore capo dell’ufficio stampa del Senato della Repubblica;

Oliviero Beha

Oliviero Beha

Massimo Vallati, fondatore e presidente dell’Ass. “Calciosociale” e animatore di “Radio impegno”, è stato cronista free-lance, reporter per l’Ansa e fondatore di una società di produzione cinematografica;

Don Gabriele Petreni, parroco della Fraternità dell’Incarnazione di Corviale;

Luce Tommasi, giornalista professionista, esperta di temi sociali, ha lavorato per 21 anni in Rai (Tg3, Rainews24 ) . In precedenza è stata corrispondente per il Giornale e cronista politica a La Nuova Ferrara. Recentemente ha partecipato ad eventi formativi promossi dall’Ordine dei giornalisti del Lazio e dell’Emilia Romagna, tenendo lezioni sull’etica del linguaggio della comunicazione nel rapporto con le marginalità;

Laura Bonasera, giornalista e conduttrice di Nemo, talk show di Raidue. In precedenza reporter per Piazzapulita, si afferma come una delle più promettenti giovani colleghe nel campo del giornalismo d’inchiesta e d’impegno sociale;

Elvira Zaccari, giornalista pubblicista, ha lavorato a Radio Radicale per la sezione “Fai Notizia” dedicata alle video inchieste, oggi free-lance scrive per The Post Internazionale, Pagina99 e altre testate web;

Paolo Pirovano, segretario nazionale Ordine dei Giornalisti;

Elio Veltri, medico, giornalista, sindaco di Pavia e già parlamentare della Repubblica

Elio Veltri

Elio Veltri

Franco La Torre, storico, giornalsita, funzionario di Risorse per Roma. In precedenza, responsabile di “Radio Blu”, dirigente ufficio stampa e propaganda del Pci, esperto di cooperazione internazionale e sviluppo locale;

Oliviero Beha, giornalista, conduttore e autore radiofonico e televisivo, scrittore, saggista, collaboratore di numerose testate tra le quali Il Fatto quotidiano

Lazzaro Pappagallo, segretario Stampa romana

Stefano Feltri, vicedirettore de Il Fatto quotidiano, esperto di problemi economici. In precedenza ha lavorato al Foglio

 

Il programma

Ore 9-11:

Il Campo dei Miracoli: dalla malavita alla radio dell’impegno

Presentazione del corso, storia di un’esperienza a lieto fine, modello per le periferie e per la nascita di un giornalismo “etico”, capace di mutare la realtà

Conduce: Billau, Scafuri

Relatori: Vallati, don Gabriele, più testimonianze dirette dei ragazzi e degli operatori

Ore 11-13:

Giornalismo sociale, il valore aggiunto

Non solo denuncia: come l’informazione può recuperare un senso di marcia e un ruolo centrale nella società

Tavola rotonda. Moderatori: Billau, Scafuri,

Partecipano: Pirovano , Tommasi, Bonasera, Pappagallo

Ore 13-14:

Visita del Centro, pranzo in loco (partecipazione libera)

Ore 15-17:

“Non è un paese per onesti”, una vita a denunciare il malaffare

Elio Veltri, un giornalista e politico di lungo corso racconta la propria esperienza di sessant’anni di storia italiana, tra scandali e malaffare

Conduce: Scafuri

Ore 17-19:

Colpire la mafia nei soldi: come il giornalista può aiutare lo Stato

La confisca dei beni ai boss mafiosi potrebbe aiutare a risolvere il problema del debito pubblico: compito dell’informazione è indagare sempre più negli intrecci patrimoniali e nei gangli finanziari delle organizzazioni criminali

Tavola rotonda

Moderatori: Billau, Scafuri

Partecipano: Veltri, La Torre, Beha, Feltri




Lascia una risposta

*