Una ogni sei righe – 9 aprile

Condividi questo articolo

Mai visto uno schieramento così compatto. Quasi tutto il mondo ha legittimato le incursioni dei missili Usa sulla Siria. La Russia e pochi altri le ha contestate. Per quanto vicini alla perfezione, i missili colpiscono alla cieca e uccidono civili, comprese i bambini che il padreterno non risparmia alla violenza dei guerrafondai. Incombe la domanda: prima di sparare missili. un’ispezione Onu, come in Iraq, perché no?

La pavida Mogherini, con lei Holland, la Merkel e ovviamente i partner europei destrorsi dell’ex Urss, sono complici senza spina dorsale dritta, del pericoloso e incontinente Trump. Questi, galvanizzato da cotanta solidarietà, alza il tiro dell’arroganza e spara minacce ad antagonisti che non sono da meno e competono con la sua smania di accreditarsi ai falchi del partito repubblicano. Cina e Corra del Nord? Non ci stanno ed è sos.

Desaparecidos. Picchi di notorietà, poi l’eclissi e la misteriosa, inspiegabile scomparsa dalla ribalta. Si chiedono, angosciati i nostalgici fan: dove sono finiti? Via, senza lasciare traccia, l’international show woman suor Cristina. Topo Gigio, Donatella Rettore, lo “sciupafemmene” Kirk Cameron, l’eclettica cantante Rita Forte, lanciata da Rispoli in “Tappeto Volante”, il Ron di Harry Potter. Ingoiati dal nulla dell’oblio.

 

Nomi di oggetti extraterrestri? “Volocopter”, “Vahana”. Tra un paio di anni, promette la fantatecnologia del volo, entreranno nel quotidiano di facoltosi navigatori cittadini. Sono autovolanti simili a droni e solcheranno il cielo, come antidoto al traffico che paralizza le strade urbane. Sui prototipi lavorano sette imprese, per il momento alle prese con modesta autonomia di volo. Mistero: come ce la caveremo con i semafori celesti?

 

Il terrorismo non riconosce le altrui festività religiose. Due esplosioni, rivendicate dall’Isis, hanno devastato altrettante chiese copte a Tanta, nord del Cairo e ad Alessandria d’Egitto. 45 le vittime totali, 27 nel primo attentato, almeno 18 nel secondo e decine i feriti. Nei due luoghi di culto si celebrava la “domenica delle palme”. Due arresti e la conferma che se non si decapita il vertice del Califfato impedire gli attentati è pura utopia.

 

L’intolleranza di stolti seguaci del fondamentalismo islamita. Sant’Anastasia, provincia di Napoli: un energumeno, marocchino di 50 anni, arrestato dai carabinieri. E’ accusato di sequestro di persona, maltrattamenti e minaccia aggravata. La moglie non ha voluto indossare il burqa, e lui l’ha presa a calci e pugni, l’ha rinchiusa nel bagno per impedirle di chiedere aiuto. Voleva vestire come una donna occidentale.

Condividi questo articolo

Lascia un commento