DON NICOLA COSENTINO, RE DELLE POMPE / 7 ANNI FA LA  VOCE SCRIVEVA…

Condividi questo articolo

Voce 2010 Cosentino15 marzo, seconda condanna a carico di Nicola Cosentino, stavolta per il business delle pompe di benzina in Campania.

La prima condanna a novembre scorso, associazione mafiosa (e siamo sempre al primo grado di giudizio), 9 anni di reclusione. Più mite la seconda, 7 anni.

Sono trascorsi circa 2 anni e mezzo dall’arresto e dal sequestro di tutti gli impianti, stazioni di servizio e pompe, avvenuto il 22 dicembre del 2014.

E risale ad aprile 2010, quindi ben 7 anni fa, l’inchiesta della Voce che accendeva per la prima volta i riflettori su quel maxi business, un vero monopolio della distrubuzione dei carburanti in Camapnia e anche nel Basso Lazio, appena insidiato da alcuni impianti di proprietà della famiglia De Mita (come la maxi stazione a Teano).

Un numero profetico, quello della Voce, visto che in copertina veniva richiamata un’altra vicenda, già allora calda (e siamo nel 2010): il super Global Service vinto da Alfredo Romeo per la faraonica sede dell’AGCOM, l’autorità garante per le telecomunicaizoni, al centro direzionale di Napoli: in un grattacielo di proprietà Caltagirone.

 

LEGGI L’ARTICOLO DEL 2010

art cosentino aprile 2010

Condividi questo articolo

Lascia un commento