WAI PUN – IL PARADISO DELLA NATURA E LA CIECA BELVA UMANA

Condividi questo articolo

E’ un contrasto stridente, brutale, quello del racconto di questa domenica 12 febbraio. Luciano Scateni ci conduce nel paradiso naturale di un atollo, al ritmo di una natura che scorre lenta e pacifica. «I giovani cantano antiche arie, più cantilene che canzoni, con poche parole ripetute all’infinito: bellezza, sor­risi della vita, amore, gioventù»…

Fino a quando si manifesta in tutta la sua potenza devastatrice la belva umana…

Non perdete il Racconto di questa domenica!

leggi il Racconto

Condividi questo articolo

Lascia un commento