CIRCO ORFINI / IN STREAMING IL SUICIDIO DEL PD BULGARO

Condividi questo articolo

Il bello della diretta. Il circo Orfini in streaming. Va in onda l’agonia di un partito, che si trasforma in sceneggiata di periferia. Questi fantasmi, titolerebbe Eduardo. L’orgoglio di un tempo, il Pci, serbatoio inesauribile di militanza & utopia, ridotto a un bivacco di barbari dopo l’ultimo tentato saccheggio. E un clown che, con protervia, è ancora in vena di battute, il sempre ridens Matteo.

Siamo su Scherzi a parte? No, alla direzione del Pd, venti minuti scarsi per il diktat del ducetto.

Einstein-Orfini chiude subito bottega, il capo va dall’altro capo – dello Stato, MattarellaRobot – per rassegnare le dimissioni. Di tutto il resto – crac referendario & frattaglie – ne parliamo dopo le consultazioni.

Neanche nella Romania di Caucescu. Nemmeno nella Turchia, oggi, di Erdogan, un Eden al paragone.

Osa prendere la parola un folle, Valter Tocci. “La riunione era fissata per le 15, poi è slittata alle 17, ora sono le 18 passate. E adesso non si parla, non si discute”.

Difende il capo – fuggito per correre dall’altro capo – la scout Serracchiani. “Ma che dici Tocci, abbiamo fatto più tardi per permettere a tutti di arrivare, anche dall’estero!”. Il 113 non passa ancora.

Trova il coraggio di pronunciare qualche sillaba, Tocci. “Nessuno allora può dire niente, accettiamo tutto così, Renzi va al Quirinale e non si discute cosa va a dire….”.

In libera uscita per l’ora d’aria, il criminale Tocci, che pensa di vivere in una democrazia. Dove puoi dire la tua. Delinquente.

In sala insulti, al demente Tocci. Neanche una sillaba anti capo, che dopo aver condotto la sgangherata truppa, la sua armata Brancaleone alla crociate ora impone anche il silenzio come neanche in Siberia.

Chiude il denso, animato e costruttivo dibattito Einstein-Orfini, il presidente di un partito ormai desaparecido. Per informazioni chiedere a Federica Sciarelli. Le ambulanze del 113 nel frattempo arrivano per imbarcare tutti.

P.S. Una modesta proposta. Perchè non nominare commissario liquidatore delle macerie PD Erasmo D’Angelis, esperto di tutti i disastri, dall’Unità ai terremoti?

 

Nella foto Matteo Orfini

Condividi questo articolo

Lascia un commento