Un confratello a Palazzo San Giacomo ? – Il caso Actis

Condividi questo articolo

Chi è il candidato al comune di Napoli preferito della massoneria ? E i confratelli del Grande Oriente di Galleria Umberto su chi staranno facendo convergere il loro caloroso appoggio? Belle domande, un tormentone intorno al quale decine e decine giornalisti e appassionati del settore si sono arrovellati fin dal 7 maggio, quando sono state presentate le liste.

Noi qualche idea ce l’abbiamo. Almeno una.

Schermata 2016-06-02 alle 08.47.25Già perché il Gianluca Actis, noto avvocato, che è nel cappello di lista al Comune col PD di Valeria Valente, nonché con lei candidato anche in due Municipalità (Avvocata e Vomero), ha molto a che vedere con il “Maestro venerabile del Grande Oriente d’Italia, confratello Gianluca Actis”, immortalato nel 2002 fra le pagine di Hiram, periodico riservatissimo per gli affiliati di stretta ordinanza (ma del quale la
possiede una rarissima copia).

Partiamo da qui. Correva il 15 giugno dell’anno di grazia 2002 quando veniva dato alle stampe “Erasmo Notizie – bollettino d’informazione del Grande Oriente d’Italia”, con redazione a Roma in via San Pancrazio 8.

Erano gli anni del “rinnovamento” voluto dal nuovo Gran Maestro Gustavo Raffi, che di proposito aveva messo in campo una gran produzione di stampa e perfino un sito internet. Nelle 12 pagine di Erasmo del 15 giugno 2002 (direttore Fausto Capalbo), una messe di notizie dalle diverse “obbedienze” italiane, dalla “Nascita di un museo massonico” a Campopiano, provincia di Parma, alla visita di Raffi a Lanciano, fino alle missioni internazionali dei confratelli a Tokyo e in Kosovo. Alle pagine 6 e 7 il bollettino si sofferma finalmente sulla vita e le gesta dei massoni partenopei, quelli ortodossi, riuniti nei canonici, oscuri saloni di Galleria Umberto.

Leggiamo. « Venerdì 3 Maggio, in un accogliente ed elegante complesso sul mare della provincia napoletana, alla presenza di oltre 150 persone e del presidente del Collegio Circoscrizionale della Campania e Lucania, Marcello Marotta, si è celebrato il quarantaquattresimo anniversario della fondazione della Loggia “Acacia” (577) di Napoli Particolarmente toccanti e commoventi sono stati i lavori rituali ai quali hanno partecipato anche tanti Fratelli della Valle del Sebeto e di gran parte degli Orienti italiani. Il Maestro Venerabile Gianluca Actis, dopo l’apertura dei lavori, ha ringraziato i presenti ed ha consegnato targhe ricordo ai Fratelli Giacinto Caramia, Pasquale Cirillo e Mario Salvatore Festa, quali Fratelli anziani dell’Officina e punto di riferimento importante della stessa, cui hanno dedicato la vita con grande impulso ed abnegazione. Il Maestro Venerabile Actis ha poi consegnato targhe al presidente del Collegio campano Marotta, nonché ai Fratelli Salvatore Balasco, Primo Sorvegliante della “Acacia”, e Luigi Refuto per il grande merito di aver organizzato nei minimi particolari l’importantissima cerimonia. Dopo la consegna delle targhe, numerosi Fratelli hanno preso la parola portando gli omaggi ed i saluti dei vari Orienti ed Officine di appartenenza. Particolarmente graditi sono stati i saluti, a nome del Grande Oriente d’Italia, della Loggia americana “Truman” di Napoli costituita da militari NATO di stanza nel nostro Paese e da Fratelli dell’Oriente svizzero (…)».

La foto pubblicata su Erasmo di giugno 2002

La foto pubblicata su Erasmo di giugno 2002

E’ così rilevante, questa notizia, che a differenza di quelle riguardanti altre città italiane, il bollettino ad essa dedica una foto (quella qui a destra) con tanto di didascalia: «nella foto, da destra, il Maestro Venerabile Actis, il Presidente Marotta ed il Fratello Festa». Nell’immagine, abbigliato con i paramenti classici (grembiulino e collare), è chiaramente visibile il giovane “maestro venerabile” Gianluca Actis.

Facciamo un salto nel tempo, ed eccolo oggi qui Actis, 14 anni dopo, in pista per il comune di Napoli e per le Municipalità accanto alla candidata renziana Valeria Valente. Data di nascita del candidato Gianluca Actis: 4 agosto 1966. Data di nascita del massone Gianluca Actis (come da elenchi pubblicati nel 2007 dalla Voce): identica. Così come la stessa è la data di nascita dell’avvocato Gianluca Actis negli archivi del Consiglio Nazionale Forense. Insomma. È proprio lui: candidato del Partito Democratico, avvocato (fra l’altro è iscritto anche all’albo dei pubblicisti) e massone.

Per alcuni questa fraterna investitura potrà addirittura suonare come una benemerenza: “chissà quanta gente importante conosce, un Maestro Venerabile che va a Palazzo San Giacomo…”. Per qualche altro, magari, almeno una alzata di sopracciglio (se non un altolà) potrebbe essere d’obbligo. Da parte nostra, nessun commento. Solo una domanda: quali interessi andrà a rappresentare in consiglio comunale il Venerabile Actis?

Condividi questo articolo

Lascia un commento