TRE GIORNI NELL’INFERNO SIRIA CON PANDORA TV

Condividi questo articolo

Prima di cominciare a raccontare il mio viaggio in Siria è opportuno che io descriva le condizioni in cui esso si è verificato. Su mia richiesta al Ministero della Difesa russo, sono stato incluso in un numeroso gruppo di reporter e operatori televisivi che, in partenza da Mosca, sono arrivati all’aeroporto di Hemnym, trasformato in base aerea dell’aviazione militare russa. Il mio primo viaggio estero come inviato speciale di Pandoratv.it.

La compagnia era prestigiosa: anche a me faceva un certo effetto rispondere all’appello dopo la ABC e Associated Press americane, l’IPTV inglese, la famosa BBC, la CCTV cinese, la RT russa, la RAI italiana, e poi la lunga serie di canali tv spagnolo, bielorusso, francese, giapponese, vietnamita, norvegese, armeno, giapponese, dopo la libanese Al Manar e molte altre, insieme all’elenco completo delle reti pubbliche e private della Russia.

Un'immagine dal reportage di Giulietto Chiesa in Siria. Nella foto di apertura, Chiesa al momento dell'imbarco.

Un’immagine dal reportage di Giulietto Chiesa in Siria. Nella foto di apertura, Chiesa al momento dell’imbarco.

Tutti, in questo caso, a stretto rigore, “embedded”. Termine che significa essere portati in zona di guerra da una delle parti belligeranti ed essere vincolati al loro programma. Cioè, in altre parole, portati a vedere ciò che l’esercito del paese organizzatore desidera che voi vediate.

Nel caso specifico Pandoratv.it ha pagato il viaggio Roma Mosca e ritorno, e l’albergo, ma ha viaggiato gratis su un Iliushin 62 M della Aviazione militare russa, da e per Mosca. E, nei tre giorni del viaggio, è stato trasportato e nutrito (non alloggiato) a spese del Governo russo. Esattamente come tutti gli altri circa quaranta giornalisti e operatori tv del gruppo.

Questi i dati essenziali al contorno , del resto invalicabili per chi avesse voluto vedere dall’interno la macchina bellica russa. È dunque questo il contesto che consentirà al lettore di valutare se chi scrive ha rispettato l’etica professionale senza trasformarsi in propagandista di parte.

Per quanto mi riguarda ne è valsa la pena. Tre giorni con tre diversi appuntamenti, tutti densi di informazioni che nessuno di noi avrebbe potuto altrimenti verificare. A cominciare dalla base russa e dall’intensissima attività bellica che essa svolge da circa 4 mesi. [Fonte: http://www.pandoratv.it/?p=5889]

Top secret il numero dei militari presenti, ma sicuramente diverse centinaia di soldati e ufficiali. Top secret anche il numero di piloti impegnati nei voli di bombardamento, sorveglianza, pattugliamento. Top secret il numero e la qualità dei droni, ma se ne sono visti in movimento diversi.

È dai droni che vengono le informazioni sugli obiettivi da colpire, sui movimenti delle truppe di Daesh, sulle colonne di cisterne piene di petrolio che si muovono verso la Turchia.

Ma la base è una cosa molto complicata: c’è la polizia militare interna (i berretti rossi); ci sono le attività militari di sicurezza verso l’esterno (“spetsnasz”, cioè uomini di speciale destinazione), i cosiddetti “vezhlivye liudi”, già visti in azione in Crimea, “ragazzi gioviali” dotati di equipaggiamento speciale, tutto verde, di visori notturni, di aggeggi misteriosi appesi a un casco mimetico, con guanti neri speciali e un fucile anch’esso speciale, appeso al collo in modo da consentire l’azione nel più rapido dei modi, con un passamontagna verde che permette di vedere solo i loro occhi, ma copre il volto e il collo. E naturalmente il giubbotto antiproiettile, anch’esso verde.

Una pattuglia di questi spetsnaz ci ha seguito come ombre nei tre giorni, dall’arrivo alla partenza, accompagnandoci fino all’hotel di Lattakia, sorvegliandone il perimetro durante la notte e aspettandoci la mattina successiva. Eravamo stati preavvertiti che non ci sarebbe stato permesso di fare nessuna “variazione” del programma, nessuna “uscita dai binari”. Dato il contesto, comprensibili valutazioni per la nostra stessa sicurezza fisica. Infatti la linea del fronte (uno dei numerosi fronti di questa guerra) si trovava a non più di 25 chilometri dal nostro hotel. Qualche settimana fa un razzo è caduto nel centro di Lattakia uccidendo una decina di persone. Ma infiltrazioni terroristiche sono possibili, e un gruppo così folto di giornalisti stranieri, portati in Siria dai russi, poteva essere un bersaglio prioritario per infliggere un colpo propagandistico durissimo. Gli accompagnatori/protettori russi non volevano rischiare nulla. E si erano preparati in modo impeccabile.

La base è stata interamente costruita dai russi a velocità record. Tutto è russo, dalle reti di recinzione, al cibo. Salvo le arance. Perfino l’acqua viene filtrata prima di arrivare ai tubi per le docce. Gli ufficiali alloggiano in container individuali. Così come i piloti e il personale specializzato per l’assistenza agli aerei.

L’aeroporto ha due piste, quella per i voli civili (rarissimi) e quella per i voli militari, che è in attività vorticosa, praticamente 24 ore su 24. A occhio e croce (nessuno risponde con precisione a queste domande) una quarantina di Sukhoi di diversi tipi sono parcheggiati su due piazzali. Su un terzo, il più protetto, si vedono una quindicina di Sukhoi 34, l’ultimo grido dell’aviazione militare russa. Un gioiello di eleganza stilistica, dipinto in diverse sfumature di azzurro che lo fanno assomigliare a un delfino, ma capace di salire in cinque secondi a diecimila metri. Più un razzo che un aereo. Ma meno rumoroso del Sukhoi 24, che quando decolla produce un “bang” talmente potente da spaccare letteralmente i timpani di chi non si tappa le orecchie. Più che un rumore un violento urto fisico.

Per ore abbiamo assistito alla serie impressionante di decolli e di atterraggi. Stando sul bordo della pista. Decine di missioni al giorno. Ma anche di notte. I bersagli sono scelti a uno ad uno in base a diversi tipi d’informazione: quelle degli agenti siriani sul territorio (e adesso quelle dei gruppi che vogliono trattare), che forniscono le coordinate; quelle dei droni, che disegnano ogni giorno le posizioni dei gruppi armati; quelle dei satelliti. I piloti si alzano in volo con gli obiettivi già definiti, talvolta con correzioni all’ultimo istante. «Quando abbiamo dei dubbi sul bersaglio preferiamo piuttosto rinviare il colpo che rischiare di colpire i civili». Ce lo ripete più volte il maggiore generale Igor Evgenevic Konashenkov, responsabile del Ministero della Difesa per i rapporti con la stampa, che ci ha accompagnato nei tre giorni della visita. «Le nostre informazioni sono tali – aggiunge – che non solo sappiamo bene dove colpiamo, ma abbiamo una precisa descrizione di dove colpiscono, quando colpiscono, gli aerei della coalizione occidentale». Poi, con un sorriso ironico, aggiunge: «le rare volte che lo fanno».

I Sukhoi partono e ritornano nel giro di mezz’ora o tre quarti d’ora. A seconda della complessità della missione. Partono irti di missili e di bombe come dei porcospini metallici e tornano vuoti, come proiettili sparati a loro volta da un enorme cannone.

Per fermarsi usano dei paracadute colorati che abbandonano sulla pista, subito raccolti e ripiegati da inservienti fulminei. Il tutto: rumore, ritmo, efficienza, suscita inevitabilmente stupore e ammirazione. Se non fosse che ti viene in mente che questa è una macchina di morte. E che è mostruosamente costosa, sia per chi la subisce che per chi la fa.

Il bilancio che ci viene raccontato, questa volta con precisione, senza segreti, anzi con orgoglio, è non meno impressionante: in questi quattro mesi più di 5700 missioni di volo, con oltre 12.000 obiettivi colpiti. Senza questo intervento la Siria non esisterebbe più.

Quanto costi questa impresa non ci viene detto, ma si tratta di cifre vertiginose. Ogni Sukhoi che si alza in volo quanto consuma? E quanto costano le bombe, i missili che carica? Combustibile e bombe vengono anche quelle dalle basi russe di rifornimento, a migliaia di chilometri di distanza. Altre spese. I colossali Iliushin 76MD fanno la spola. Con quali ritmi non ci viene detto, ma in tre giorni abbiamo visto quattro atterraggi di pesanti aerei da carico. E quanto costano gli elicotteri che sorvolano in continuazione le aree attorno alle piste?

Non c’è aereo da combattimento, o da trasporto, che si alzi in volo senza che gli elicotteri abbiano neutralizzato eventuali sistemi d’arma terra-aria. I russi sanno che le formazioni di Daesh sono state dotate di queste armi, così come di sofisticati razzi che possono raggiungere un aereo al decollo o all’atterraggio. Il problema è impedire che arrivino a distanza di lancio. E dunque si può immaginare quanti uomini (sia dei servizi segreti iraniani, sia russi) siano in permanente pattugliamento nel raggio di diversi chilometri. La minima disattenzione può trasformarsi in un disastro, non solo militare ma politico, mondiale. Il livello di responsabilità e di tensione si percepisce in ogni attimo. A parlare sono in pochi, anzi uno solo: Igor Konashenkov. Ogni parola in eccesso può trasformarsi in un boomerang.

Siamo di fronte a una logistica militare di grande efficienza e di non meno grande effetto. La Russia sta sperimentando dal vivo tutte le sue armi migliori, con grande stupore di tutti. E loro, gli ufficiali che ci accompagnano, sono visibilmente orgogliosi di mostrare la loro forza. Questa operazione antiterroristica è, con tutta evidenza, anche l’esibizione di una forza e di una tecnologia che l’Occidente non conosceva, o che considerava un bluff.

Io stesso, che ho visto molto da vicino la guerra afghana e quella cecena, sono sorpreso dal cambiamento.

Adesso si vede che la Russia ha fatto, da sola, in pochi mesi, quello che la cosiddetta “coalizione occidentale” non è riuscita a fare. Meglio sarebbe dire che “non ha voluto fare”, essendo ormai chiaro che Daesh è tutt’altro che un nemico per molti dei suoi membri.

Questo è anche un secondo effetto che Mosca ha incamerato: politico oltre che militare. Molti, anche in Occidente, percepiscono che Mosca può essere un alleato cruciale e non solo il nemico che è stato disegnato ossessivamente nel corso degli ultimi anni. Per questo, salvo qualche sorriso ironico di Igor Evgenevic, non c’è bisogno di sottolineature. I giornalisti invitati non lesinano le domande, anche provocatorie. Le risposte sono laconiche. Vi abbiamo invitato perché possiate “vedere con i vostri occhi”. Le tv ricevono DVD con le riprese dall’alto dei bombardamenti.

Naturalmente non ci regalano segreti militari e non ci diranno le loro mosse. Ci mostrano una macchina micidiale che funziona.

I missili da crociera che, partiti dal Mar Caspio, hanno raggiunto gli obiettivi con una eccezionale precisione da quasi 2000 chilometri di distanza, sono stati una dimostrazione palmare che la Russia può contrattaccare su ogni latitudine e longitudine. Non solo in Siria. Il fatto che i servizi militari della coalizione occidentale non siano riusciti a sapere nulla in anticipo, sebbene l’intera operazione sia stata minuziosamente concertata con l’Iran, dice che l’onnipotenza americana in tema di sorveglianza delle mosse avversarie non è più tale.

Questa non è solo esibizione di forza, è anche strumento politico e diplomatico.

La risposta occidentale è la carta Litvinenko. Il generale Konashenkov ridacchia e tace.

Quando ci portano a Tartus, il secondo giorno, le sorprese si moltiplicano. «Questa non è una base militare, come molti media occidentali continuano a sostenere – precisa il generale Konashenkov non appena saliamo a bordo del cacciatorpediniere “Vice Ammiraglio Kulakov” – questa è una base di appoggio, rifornimento, trasporto, assistenza». Il porto è quasi deserto. Solo un’altra nave militare russa, e pochi navigli civili da carico, oltre a un “mulo” di grandi dimensioni, con una sigla numerica al posto del nome, che verrà a ricuperare i giornalisti in alto mare, al ritorno dalla crociera. [fonte: http://www.pandoratv.it/?p=5913]

Il “Kulakov” è attempato. È sceso in acqua negli anni ’80, ma è pieno fino ai denti di sofisticate apparecchiature elettroniche e di armi modernissime per la caccia ai sommergibili. L’equipaggio pare composto di uomini muti e sorridenti. Uno che parla c’è, ed è il capitano. Dove andiamo lo sapremo solo quando vedremo all’orizzonte la sagoma dell’incrociatore “Variag”. La giornata di sole permette di spaziare all’orizzonte. Gli unici padroni delle coste siriane sono questi due navigli russi. I francesi sono arrivati con la loro portaerei, hanno effettuato una decina di missioni e se ne sono andati nel Golfo Persico.

Konashenkov commenta: «con una portaerei non si può fare un’operazione prolungata». Pura operazione di facciata.

Il “Variag” si muove lento, avanti e indietro. Ma, quando arriviamo nelle vicinanze, quanto basta per contare i 16 possenti tubi lanciamissili, accelera all’improvviso con grandi sbuffi di schiume, forse per dare agli osservatori stranieri la prova delle sue capacità di manovra. Questa è l’arma principale, che tiene sotto controllo non solo il mare ma anche il cielo di tutta la Siria e parecchio più in là. Anche da qui, oltre che dalla base a terra, partirebbero i missili in grado di colpire, e di prevenire, qualunque minaccia potenziale contro un obiettivo russo, a terra, in mare, o in aria.

Dopo l’abbattimento proditorio del Sukhoi 24 al confine turco, Putin ha avvertito. Il “Variag” è arrivato per questo. E gli aerei turchi hanno smesso di violare lo spazio aereo di Damasco.

Altri aerei militari volano sulla Siria, ma nessuno lo fa senza avere concordato con la Russia la loro presenza. Anche gli americani lo fanno. Israele ha smesso: c’è un accordo, dai contorni sconosciuti e ambigui, ma c’è, Ci sono sommergibili in zona?

Un ufficiale della “Kulakov”, divenuto temporaneamente ciarliero, si limita a un commento rapido: «Questo tratto del Mediterraneo è adesso il più sorvegliato del mondo. Ma noi vediamo e sentiamo tutto, anche i sospiri».

L’elicottero di bordo porta in aria un pull di teleoperatori. Il che ci permette di assistere alla “cerimonia delle carezze”. Non so come la chiamino i russi, e non so neppure se esiste anche nelle altre aviazioni militari. So che la celebrano tutti i piloti russi che abbiamo visto salire a bordo di elicotteri e di Sukhoi. Consiste in una specie di verifica, fatta di toccamenti alla carlinga, agli alettoni, ai missili appesi alle ali, alle bombe panciute che pendono sotto il ventre dell’aereo. Un controllo palesemente scaramantico, tra il tenero e il malinconico, ma in tutta serietà, che gli uomini in casco e visiera si permettono senza fretta, prima di salire a bordo. Un saluto e una “captatio benevolentiae” alla macchina da cui, tra poco, dipenderà la loro vita. . Potrebbe essere l’ultimo volo. Per il pilota del Sukhoi abbattuto dai turchi lo è stato.

Il terzo giorno saliamo sulle montagne. All’orizzonte c’è la neve, ma il paesaggio è quello della Sicilia. Ulivi e aranceti, aranceti e ulivi. Questa era la “terra promessa” . Non agli ebrei ma a agli uomini che, dal deserto, guardavano verso il mare in tutti i secoli che hanno preceduto questo.

Sulle alture ancora svettano i castelli dei crociati venuti dall’Europa, anche loro evidentemente alla ricerca di terre fertili più che di luoghi santi. I pendii sono coperti di case, di palazzi a molti piani. Una sterminata catena di obbrobri architettonici, ma rivelatrice di sentimenti popolari diffusi. Colpisce la incredibile quantità di case iniziate ma non finite, oltre alla quasi totalità di edifici che, protendendo al cielo colonne nude di cemento armato, raccontano i progetti di una futura elevazione della casa: per i figli, i nipoti, la vendita, l’affitto, l’arricchimento.

È come se tutti i siriani, appena quattro anni fa, fossero convinti che il loro futuro sarebbe stato di pace e di prosperità. E questo, in tutti i paesi arabi, significa una casa. Adesso questi palazzi ti guardano con le loro occhiaie vuote, con i balconi rifiniti a metà, con le scale ancora senza ringhiere, con le finestre senza vetri. Poi è arrivata l’Apocalisse.

Milioni sono fuggiti, quelli che restano hanno la valigia alla porta. Se arriva Daesh l’imperativo è scappare poiché non vi sarà scampo per gli alauiti. E qui sono tutti alauiti. Ogni casa nuova era attrezzata per i negozi, che adesso sono una lunga fila di saracinesche abbassate, già arrugginite. Ma anche gran parte dei negozi preesistenti sono chiusi. Se la Siria ha resistito in questi anni di palese aggressione dall’esterno è probabilmente solo perché la difesa del territorio era identica alla difesa della vita.

Più in alto gli autobus si fermano. Traslochiamo su camion blindati per il trasporto truppe. Nuovi di zecca, altre spese. Vetri blindati anch’essi, feritoie. Chi non ha l’elmetto e il giubbotto antiproiettile lo riceve, sempre che voglia procedere. Si sale chiusi in quelle scatole d’acciaio. Igor Konashenkov si scusa del disagio. «Volevo accontentarvi. Siete qui per raccogliere immagini e abbiamo fatto di tutto per offrirvele. Ma solo questa notte abbiamo deciso di portarvi qui, dopo avere valutato i rischi con i nostri amici siriani. Scusateci se molte cose appaiono improvvisate. Qui, fino a una settimana fa, erano in corso combattimenti strada per strada. Vi porteremo fino a meno di 8 chilometri dalla linea del fronte, dovevamo essere certi che non avreste corso pericoli».

La cittadina di Salma un borgo anch’esso composto in gran parte di case non terminate, adesso è solo un cumulo di rovine a 850 metri di altezza. In lontananza si sentono colpi di cannone. I tagliagole hanno lasciato in mezzo alla strada una delle loro macchine da guerra, un pick-up blindato sormontato da una mitragliatrice con due canne, utilizzabile anche come arma antiaerea. Insanguinato e con una ruota centrata da un bazooka. I meccanici sono già al lavoro.

Igor Evgenievic, paterno e sornione, ci avverte: «Non attribuite a noi russi questa vittoria. Noi abbiamo solo ripulito con i nostri caccia tutte le alture circostanti e abbiamo liquidato i carri armati e i blindati di Daesh. Le distruzioni che vedete non sono effetto dei nostri bombardamenti. Qui si è combattuto casa per casa e la vittoria è dell’esercito siriano». Il fronte si è spostato a nord. Il governatore della provincia è già arrivato, assieme ai primi automezzi per la ripulitura delle strade e per lo sminamento delle case, ora già ricoperte dai ritratti di Bashar al Assad e da scritte festeggianti alla vittoria di Damasco.

Le formazioni – ci dicono di Al Nusra, circa 1500 uomini – si sono ritirate di una decina di chilometri. Un interprete spiega: «Il loro retroterra è la Turchia, a meno di cento chilometri da qui». La strada è sotto il loro controllo? «Per il momento sì, ma dipende da un sacco di fattori. Certo che cercheremo di fermarli, ma molti scappano alla spicciolata». Su di loro gli occhi dei droni russi.

Ma Salma è solo una delle tantissime linee del fronte, fatte di accerchiamenti reciproci. Quello che si vede qui è il risultato di uno scontro militare di grosse proporzioni. A non più di 40 chilometri da Lattakia. Lo stesso accade nelle immediate vicinanze di Damasco. Là non si può bombardare perché armati e popolazione convivono negli stessi territori. Mosca ribadisce: non metteremo scarponi a terra. «Una seconda base non ci serve», dice Konashenkov. Ma è evidente che questa, nelle intenzioni di Putin, è una operazione a termine. Quanto lungo sarà questo termine non lo sa nessuno. Il Cremlino vuole una soluzione politica. La vittoria l’ha già avuta. Bisogna vedere come ci si arriva, con quali rapporti di forze.

Per ora Mosca è sola nella demolizione di Daesh. Dall’altra parte c’è solo gran movimento per mettere in piedi una delegazione di “oppositori al regime di Damasco” che siano presentabili all’opinione pubblica occidentale. Non sarà impresa facile scegliere, tra i tagliatori di teste, quelli che si potranno denominare “moderati”.

“Appunti di viaggio dalla Siria” di Giulietto Chiesa

Il reportage completo e in presa diretta dei tre giorni di viaggio nella regione di Latakia, in Siria, di Giulietto Chiesa, è visibile qui:

https://www.youtube.com/watch?v=3_w4nWr-x0k

http://www.alternativa-politica.it/documenti/appunti-di-viaggio-dalla-siria-di-giulietto-chiesa/

 

 

………………………………………………………….

Sosteniamo Pandora tv

Come contribuire:

crowdfunding.pandoratv.it

per Paypal e carta di credito.

IBAN: IT82P0100504800000000006342

 

 

Condividi questo articolo

Un commento su “TRE GIORNI NELL’INFERNO SIRIA CON PANDORA TV”

  1. BigEligio ha detto:

    Circa ila sono ospitati nelle case della gente, non c’e famiglia che non si sia fatta carico di altre due o tre famiglie di sfollati.

Lascia un commento