NO AI SUSSIDI FIRMATI BOERI, SI’ AI 3000 LIQUIDI E AI FITTI IN NERO. ECCO LA RENZI ECONOMY

Condividi questo articolo

Fiumi di liquidi? Subito serviti. 3000 euro per la spese, per gli acquisti di giornata. E’ il toccasana per l’economia di casa nostra, per far impennare i consumi. Vate Renzi ha partorito la ricetta miracolosa. Non basta. Per far alzare come Lazzaro i mattoni dalle cantine, pronti ad edificare palazzi, ecco la terapia: niente più bonifici per i fitti, si paga in contanti. Inneggiano proprietari di immobili e abusivisti d’ogni razza: vagoni di tric trac per festeggiare al grido di viva “il nero” (ma leghisti razzisti anti sbarchi e anti invasori protestano).

Solo una proposta, negli ultimi mesi, ha dato la minima idea di un cambiamento possibile. Quella lanciata da presidente Inps Boeri che dà i suoi numeri (una volta tanto giusti) e la sua ricetta (una volta tanto azzeccata tra le selve d’imbecillità): il “sussidio” – o chiamatelo come volete – agli ultracinquantacinquenni che non hanno più speranza di trovare un lavoro; e per trovare le risorse, basta un sforbiciata alle super pensioni. Una sorta di “reddito di cittadinanza” per chi ha creato, lavorato e ora è nella merda. Caso mai da coniugare con la proposta grillina, il cavallo di battaglia dei 5stelle per voltar pagina tra le mafie del lavoro e le economie di Casa (e cosa) nostra. “Improponibile”, hanno subito bollato la proposta Boeri i soloni delle finanze, gli yes man del Matteo in giro per il globo a vendere il marchio Italia. “Non è pensabile tagliare le pensioni più alte, si darebbe un segnale d’incertezza”. Facendo il classico gioco delle tre carte: Boeri parlava di pensioni “alte”, loro gli hanno appioppato quota 2000.

Ma sono in arrivo tanti cervelloni economico-finanziari chèz Matteo, un Dream Team che solleverà l’Italia con una maxi iniezione di Viagra. Una sbirciatina a quella “indecente” proposta del presidente Inps – tra un simposio & una convention – potrebbero mai darla?

 

In apertura Matteo Renzi

Condividi questo articolo

Lascia un commento