Lega Nord, every day

Condividi questo articolo

Si chiama sempre Lega Nord, connotato che la dice lunga sulla strategia politica separatista degli eredi di Bossi. Non si capisce come Salvini, con questa premessa, aspiri addirittura a governare l’Italia. Ristrettezza geografica del progetto a parte, lo scamiciato omofobo, xenofobo e Sudofobo Matteo trascura il “dettaglio” che il tempo dell’autarchia fascista, delle facili suggestioni di un popolo impreparato alla democrazia, in larga parte incolto e con modesta coscienza politica, è storicamente morto e sepolto. Perfino lui deve rimbrottare, certo bonariamente, da fondamentalista della Lega, il leghista fuori di testa, alcuni affiliati raccontati dalla cronaca per comportamenti deplorevoli. Giancarlo Galan, tuttora deputato di Forza Italia, ex ministro alla cultura e dell’agricoltura, ex governatore del Veneto, ha fatto man bassa di arredi e non solo, prelevati illecitamente dalla principesca Villa Rodella, sui Colli Euganei, confiscata dallo Stato per recuperare circa tre milioni di euro. Lo spregiudicato leghista ha portato via di tutto e illecitamente dalla sontuosa magione: termosifoni, sanitari (compresi i bidet), camini e ha lasciato la villa in uno stato pietoso. Il difensore di Galan giustifica il “prelievo”. Sostiene che il suo cliente non sapeva cosa era lecito portare via, che è pronto a restituire quanto non gli spetta.

Caso numero due. Tale Gianluca Buonanno, nientemeno che eurodeputato della Lega Nord, è apparso (ma perché lo hanno invitato?) nel telegiornale di Sky, condotto nella circostanza da Federica De Sanctis che, ahilei, ha dovuto avallare la campagna dell’immarcescibile seguace di Salvini, il quale promette un bonus di 250 euro ai concittadini di Borgosesia che acquistino un’arma (pistola, mitra, bazooka?), con riferimento all’episodio del pensionato che ha ucciso un ladro d’appartamento. Non è finito qui l’expolit di Buonanno che ha esibito più volte e in tutta evidenza una pistola, ripresa dalla telecamera. Giornalista allibita. Salvini, con gentilezza: “Non si fa”. E lui: “La gente è con me”. Il viceministro dell’Interno Bubbico: “Si dimetta”. Buonanno, in passato, dai banchi del parlamento aveva sbandierato un pesce e in un’altra circostanza le manette, a Strasburgo, in piena assise europea, si era coperto il viso con una maschera della Merkel. La De Sanctis ha fatto oscurare il collegamento e si è scusata col pubblico, il direttore del Tg ha spiegato di aver invitato l’europarlamentare perché è giusto dare voce a ogni punto di vista. Siamo certi che in futuro Sky valuterà con prudenza la partecipazione di soggetti a rischio. Commenti a margine? Il più incisivo si deve al presidente del gruppo Misto alla Camera. Ha detto Pisicchio: “Qualcuno avrebbe dovuto spiegargli che il casting per la nuova serie de ‘I soliti idioti’ era da un’altra parte.” Il funambolico Buonanno ha regalato lo sconto sull’acquisto del Viagra, per migliori performance sessuali, e ha piantato nelle strade vigili urbani di cartone per scoraggiare l’indisciplina degli automobilisti. C’è di peggio: in una trasmissione della “Zanzara” ha commentato con l’incredibile frase “Dovrebbero andare allo zoo” la strage di settecento musulmani in marcia verso la Mecca. Domanda: chi ha eletto deputato e parlamentare europeo questo incredibile soggetto?

 

Nella foto Buonanno

 

Turco il sensale di matrimoni

Ai tempi del partito monarchico, leader Achille Lauro, un suo deputato, impegnato in campagna elettorale, fu protagonista di un comizio nel popoloso quartiere napoletano del Vomero. Si interruppe dopo le prime parole. L’impianto di diffusione rimandava la sua voce con disturbi e sibili. Il politico, senza perdersi d’animo fece un appello ai suoi supporter: “Presto chiamate un radiologo!”.

Spostiamoci in Turchia dove in vista delle prossime elezioni si ricorre a ogni trovata per ottenere il consenso del popolo. Il premier Ahmet Davutoglu non ha promesso pacchi di pasta o scarpe, come fece Lauro, ma di trovare moglie agli elettori celibi in cambio di voti e in caso di vittoria del suo partito, grazie all’istituzione di un’agenzia statale. Come dire, mediante uno Stato sensale di matrimoni. Cosa vi manca, ha chiesto il persuasore turco per niente occulto? Un lavoro, la casa, una sposa (vogliamo aiutarvi a riprodurvi)? Votateci e ve li daremo. Anche con questi esponenti politici l’Europa dovrebbe trattare l’annessione della Turchia alla comunità.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento