I salti tripli di casa Saipem in Borsa, e le “azzeccate” previsioni del Corsera !

Condividi questo articolo

Oramai siamo ridotti al bestiario. Anche se si tratta di una notizia “seria”, ossia la quotazione di un titolo in borsa. La rubrica Piazza Affari del Corriere della Sera, dedicata alle oscillazioni sui mercati azionari, è praticamente diventato il bollettino di casa Saipem, dopo lo “scoop” di una settimana fa del supplemento economia che anticipava le mosse “strategiche” del colosso impiantistico-petrolifero di casa Eni.

In quell’occasione, infatti, venivano “preconizzati” alcuni scenari prossimi venturi, tra mega contratti esteri & intese con una mezza dozzina di banche, insomma rose e fiori a volontà. Da allora il titolo è schizzato verso l’alto, un vero salto triplo, quadruplo. E tutto ciò nonostante, qualche giorno prima, avesse fatto capolino la notizia che l’ennesima maxi tegola giudiziaria stava per abbattersi in casa Saipem: ovvero una inchiesta per corruzione internazionale della procura di Milano, sotto i riflettori appalti in Algeria, dopo gli altri due macigni di Nigeria e, soprattutto Brasile, dove il giro di mazzette condiviso con l’altra indagata Techint del gruppo Pisante e la verdeoro Petrobras è – per ora – da circa 3 miliardi di dollari, ma potrebbe lievitare di molto strada, e indagini, facendo.

L’ultimo ‘salto’ viene registrato dal Corsera sabato 10 ottobre: e, ancora una volta, c’è una piccola autocelebrazione: “nella seduta di ieri a tenere banco è stata soprattutto Saipem (+ 2,93%) dopo l’annuncio di nuovi contratti off shore per oltre 600 milioni di euro”.

Potenza del Corrierone: una mezza pagina economico-finanziaria val più di cento inchieste, e soprattutto fa volare in Borsa! Poi: repetita iuvant…

 

Condividi questo articolo

Un commento su “I salti tripli di casa Saipem in Borsa, e le “azzeccate” previsioni del Corsera !”

Lascia un commento