Il cacciatore Alfano stermina i lupi, sgomina i mercenari e apre i Ponti

Condividi questo articolo

11 settembre. Ore 11. Parla il ministro degli Interni Angelino Alfano (nella foto). Tutti ad ascoltarlo sui pericoli del terrorismo internazionale, la minaccia Isis anche per il nostro Paese. A un certo punto dei suoni un po’ strani, forse l’audio va un istante in tilt, qualcosa ai microfoni… “one ull”… “lon vuf”. Dopo acrobatiche interpretazioni scoperto l’arcano linguistico: si tratta di “lone wolf”, il lupo solitario: e quindi il singolo, solitario che esce dal branco e compie l’atto terroristico.

Molto ricordano ancora, alla Mostra d’Oltremare di Napoli, qualche anno fa, il sound che uscì dalla bocca e soprattutto una serie di gorgoglii area stomaco generati dal presidente della Provincia di Napoli, il superberlusconiano Luigi Cesaro, che oggi ha lanciato il figlio Armando in pista (ultime paparazzate lo ritraggono al fianco di Bruno Vespa ad una convention di alta cultura). Cesaro, allora, doveva pronunciare l’impossibile, ossia il nome di un’altra mega convention internazionale, il “World Urban Forum”: che divenne in interminabili venti secondi “uolulbafo”, “uoldurbafom”, “uolurbafoun”.

Alfano, oggi, ha concesso anche il bis. Ha parlato anche di “foreifait”, “foreinfait”. Traduzione completa: “foreign fighter”, letteralmente “combattenti stranieri”, ossia quei cittadini europei, in questo caso italiani, che si arruolano fra le truppe islamiche, che scelgono la Jihad globale. Ne aveva fatto cenno in due occasioni, ad esempio a inizio anno, per la precisione in una Camera semideserta il 9 gennaio, dopo la strage di Parigi, quando parlò di “4 italiani” di quel tipo (meglio non tornarci su coi gargarismi), ossia pro Isis; e una settimana dopo, conferenza stampa del 17 gennaio al Viminale, quando i foreign fighters erano aumentati di 1 unità, “5 italiani”. Una crescita così rapida come solo le cellule cancerogene.

Ma Angelino non finisce di stupirci. Ha appena tirato fuori dal cilindro l’idea miracolosa del ponte sullo Stretto, già bocciata cento volte. Avrà pensato alla carica dei 101…

Condividi questo articolo

Lascia un commento