DUE PER MILLE, DAGLI ITALIANI UN VAFFA AI PARTITI. MA CHISSENEGREGA…

Condividi questo articolo

Partiti? Sempre per la tangente. E le briciole? Chissenefrega. Così capita che l’unico canale “pubblico” di finanziamento rimasto – il 2 per mille versato dai contribuenti – sia praticamente azzerato, vere e proprie briciole. Il bottino 2014 – sic – è di poco superiore ai 300 mila euro fra tutti i partiti e le formazioni presenti nel nostro Paese (non si contano più). Il dato peggiorerà ulteriormente entro due anni, dato che il governo Letta aveva previsto entro il 2017 la cancellazione di ogni contributo pubblico anche per i movimenti.

A fronte di una massa di contribuenti 2014 che supera i 41 milioni, appena 16 mila e 500 hanno deciso, nella loro dichiarazione dei redditi, di versare il 2 per mille ad un partito o formazione politica. La media di versamento fa impallidire, e mette in imbarazzo pure i matematici: si tratta – udite udite – di 0,0004 euro a persona. Il nulla più totale, palese dimostrazione della distanza siderale che ormai separa i cittadini dai loro (sic) rappresentanti.

A beccarsi quasi i due terzi del pur magrissimo bottino è il Pd, che può contare su un piccolo esercito di 10 mila super aficionados che hanno versato nelle sue casse quasi 200 mila euro. A distanza abissale seguono Lega, con 28 mila euro, poi Forza Italia (24 mila), tallonata da Sel (23 mila). Quindi la sorpresa Sudtiroler Volkspartei (16 mila), che distanzia Psi e Fratelli d’Italia, con 9 mila a testa. Chiude la classifica il Partito Autonomista Tirolese, con 600 euro. Nella graduatoria non figurano i 5 Stelle.

Successo col botto, invece, in Vaticano, dal momento che le donazioni via dichiarazione dei redditi per la Chiesa ammontano nientemeno che ad 1 miliardo di euro. Una stravittoria nei confronti dei partiti.

E poi ci si stupisce per le sempre crescenti valanghe di astensioni ad ogni tornata elettorale.

Ma tanto lorsignori hanno terremoti, Tav, Mose, Expo, Mafia Capitale e Camorre locali come fonti di cibo ottimo e abbondante. E allora, “chi se ne può fregar de meno” delle briciole se le tante Buzzi-Carminati band disseminate nel Paese provvedono a tutto?

Condividi questo articolo

Lascia un commento