I POVERI CHE ELEGGONO I RICCHI

Condividi questo articolo

Non voto a Roma, ma se dovessi farlo mi guarderei bene dal dare il mio consenso a personaggi che incarnano il ceto opulento del Paese, come Gianni Alemanno, Ignazio Marino e Alfio Marchini, tanto piu’ se le loro ricchezze sono state per buona parte accumulate con denaro pubblico connesso alle loro cariche di rappresentanza politica. E trovo anzi scandaloso che, ponendosi al cospetto di un Paese ridotto alla fame e al suicidio, i co-responsabili politici del disastro (in quanto pubblici amministratori da anni) abbiano oggi l’ardire di riproporsi.
Deve finire il vecchio andazzo mortale per i quale i poveri, fin dagli anni ‘60, votano i ricchi. I quali, proprio per questo, guardano alla miseria del Paese con l’occhio dell’etnologo, essendo personalmente del tutto estranei alle logiche della disperazione che investono masse crescenti degli italiani.
Questa esatta percezione si e’ avuta – da ultimo – nel recente “Piazza Pulita” di Corrado Formigli, l’unico che abbia sbattuto in faccia ai tre “paperoni” aspiranti sindaco la tragedia che si consuma quotidianamente per milioni di famiglie.
Dobbiamo tornare al primo dopoguerra, agli anni in cui, con la Costituente, a rappresentarci era gente che raggiungeva Montecitorio in tram. Come oggi avviene in tante delle piu’ avanzate democrazie europee, ma non nella repubblica plutocratica italiana.
Non so fino a che punto sia affidabile, dal punto di vista della capacita’ politica, il candidato al Campidoglio del Movimento 5 Stelle, ne’ quanto siano preparati i suoi colleghi che sfidano il potere in tante piccole e medie citta’ il 26 e 27 maggio. Ma sono convinta del fatto che tutti loro rappresentano il Paese reale, largamente maggioritario, del bisogno: quel 90% di italiani onesti, poveri e lavoratori, che “regolarmente”, da generazioni, vanno a votare il ceto degli arricchiti, anche quando l’arricchimento e’ avvenuto sulla loro pelle.
Forme subdole ci hanno portati alla cloroformizzazione di massa. Prendiamone atto, almeno questa volta, almeno ora che a tante famiglie sfugge la vita stessa. E cancelliamo i ricchi dalla rappresentanza politica. Ricominciamo dal basso. Ricominciamo da noi, da chi sa sentire e capire il nostro dolore e sapra’ cogliere la nostra speranza. Proviamo a fare del “razzismo” al contrario: tu no perche’ sei ricco.
E di una cosa avremo la certezza: smetteranno di percepire denaro pubblico coloro che di soldi ne hanno gia’ tanti. Alla faccia del Paese che muore.

Condividi questo articolo

Lascia un commento