• UNGHERIA / ORBAN PER LAVORO-SCHIAVITU’ E TRIBUNALI GOVERNATIVI 

      di Cristiano Mais

    Ma cosa combina in Ungheria il vero modello di Matteo Salvini, la musa alla quale ispirare l’azione del nostro esecutivo, ossia il premier Viktor Orban? Due le ultime leggi approvate: una sul lavoro, subito battezzata “legge sulla schiavità” e una sulla giustizia, che crea un sistema di ...continua

    Figli e figliastri? Per finta ignoranza i lamenti in gialloverde

      di Luciano Scateni

    “Mammina, perché dai le caramelle a Giggetto e a me no?” Il malefico tandem Salvini-Di Maio in conflitto con l’austerità della Ue emette lamenti da figlioletti discriminati da mammà. All’unisono chiedono piagniucolosi perché l’Europa sia benevola con la Francia e il suo deficit al tre percento ...continua

    CAMPANIA / CUCCAGNA PER I DIPENDENTI, DIFENSORE CIVICO SENZA 1 EURO

      di MARIO AVENA

    Gran cuccagna per i dipendenti del Consiglio comunale della Regione Campania. Riescono infatti ad essere pagati tre volte (3): un vero miracolo di San Gennaro, consentito da una leggina regionale del 2002 prima approvata, poi cancellata, quindi reintrodotta e con ogni probabilità presto al ...continua

    Finzioni, in attesa di “sposare” Salvini

      di Luciano Scateni

    Non si legge da nessuna parte cosa c’è dietro la finta opposizione del centrodestra al governo leghista-pentastellato. La domanda è d’obbligo. Ma davvero chi si occupa di politica crede all’ingannevole manfrina di Forza Italia e Fratelli d’Italia, che vanno all’assalto del forte gialloverde ...continua

    MATTEO SALVINI / A GERUSALEMME MINISTRO UNO E TRINO

      di PAOLO SPIGA

    In Italia, si sa, i ministri sono inutili. Al massimo dei soprammobili. Stanno lì solo per prendere un lauto stipendio girandosi i pollici tutto il giorno. La prova del 9 arriva in diretta da un ministro che, caso più unico che raro, è preso da iperattivismo e – osservati i colleghi ...continua

    PAOLO BORSELLINO / VOLEVANO UCCIDERLO GIA’ A MARSALA

      di PAOLO SPIGA

    “Borsellino doveva essere ucciso a Marsala. Ma i boss alla fine non vollero farlo perchè sarebbero morte troppe persone. Doveva essere fatto con meno clamore”. Lo ha dichiarato davanti ai giudici della Corte d’Assise di Caltanissetta Carlo Zichitella, pentito della famiglia mafiosa di ...continua

    PIAZZA FONTANA / 39 ANNI DI MISTERI, MUORE LA GIUSTIZIA

      di Cristiano Mais

    La vergogna di piazza Fontana, la strage senza mai un colpevole in galera, né un mandante nè un esecutore. Uno dei primi buchi neri della nostra storia, l’inizio delle strategia della tensione che ha gettato nel sangue e in un pozzo di misteri il nostro povero Paese. E da allora cominciò ...continua

    ISTITUTO ITALIANO STUDI FILOSOFICI / IL PROGRAMMA 2018-2019

      di Redazione

    Ai nastri di partenza il fittissimo programma 2018-2019 dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, il più importante presidio di cultura a Napoli, fondato oltre 40 anni fa dall’avvocato Gerardo Marotta. Dibattiti, incontri, convegni, seminari, non solo presso la storica sede ...continua

    La Napoli bombardata del dicembre 1942

      di ANTONIO GARGANO

    Napoli è la città italiana che durante la seconda guerra mondiale ha subìto più bombardamenti (inglesi, americani e – dopo l’8 settembre 1943 – nazisti) e ha lamentato il maggior numero di vittime. Nel 1941 e nel 1942 c’erano state varie incursioni da parte della Royal Air Force britannica. Gli ...continua